Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/12256
Authors: Nardi, Anna* 
Margheriti, Lucia* 
Latorre, Diana* 
Improta, Luigi* 
Marchetti, Alessandro* 
Ciaccio, Maria Grazia* 
Lombardi, Anna Maria* 
Bono, Andrea* 
Mele, Francesco Mariano* 
Rossi, Antonio* 
Battelli, Patrizia* 
Melorio, Cinzia* 
Castello, Barbara* 
Lauciani, Valentino* 
Berardi, Michele* 
Castellano, Corrado* 
Arcoraci, Luca* 
Battelli, Alexia* 
Thermes, Corrado* 
Pirro, Mario* 
Pagliuca, Nicola Mauro* 
Modica, Giorgio* 
Lisi, Arianna* 
Pizzino, Luca* 
Cantucci, Barbara* 
Baccheschi, Paola* 
Miconi, Luca* 
Spadoni, Sabina* 
Sciarra, Alessandra* 
Colini, Laura* 
Villani, Fabio* 
Sgroi, Tiziana* 
D'Addezio, Giuliana* 
Pinzi, Stefania* 
Smedile, Alessandra* 
Montuori, Caterina* 
Tardini, Roberto* 
Di Maro, Rosalba* 
Tozzi, Roberta* 
Monna, Stephen* 
Mariucci, Maria Teresa* 
Pintore, Stefano* 
Quintiliani, Matteo* 
Mandiello, Alfonso Giovanni* 
Fares, Massimo* 
Cheloni, Daniele* 
Frepoli, Alberto* 
Moretti, Milena* 
Scognamiglio, Laura* 
Basili, Alberto* 
Title: RAPPORTO BOLLETTINO SISMICO ITALIANO sulla revisione dei giorni 24-26 agosto; 26-27 ottobre; 30 ottobre-1 novembre 2016
Issue Date: 12-Feb-2019
URI: http://hdl.handle.net/2122/12256
Keywords: La sequenza sismica Amatrice-Visso-Norcia
Bollettino Sismico Italiano
early aftershocks
Subject Classification04.06. Seismology 
Abstract: La sequenza sismica Amatrice-Visso-Norcia (AVN s.s. nel seguito) include il terremoto più forte avvenuto negli ultimi 30 anni in Italia ed è caratterizzata da molteplici eventi di magnitudo superiore a 5.0. La sequenza sismica è iniziata il 24 agosto 2016 con due terremoti di Mw 6.0 e Mw 5.4 nella zona di Amatrice (RI) ed è proseguita con altri due terremoti forti avvenuti il 26 ottobre, Mw 5.4 e Mw 5.9 nell’area compresa tra i comuni di Visso (MC), Castel S.Angelo sul Nera (MC), Norcia (PG) e Arquata del Tronto (AP). Il 30 ottobre si è verificato l’evento più forte della sequenza (Mw 6.5), con epicentro non lontano da Norcia, che ha colpito un vasto settore dell'Italia centrale, interessando ben quattro regioni (Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo).
Appears in Collections:Reports

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
report_BSI4_feb2019.pdf5.58 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

27
Last Week
6
Last month
checked on May 27, 2019

Download(s)

20
checked on May 27, 2019

Google ScholarTM

Check