Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/2605
AuthorsMattia, M.* 
Aloisi, M.* 
Amore, M.* 
Bonforte, A.* 
Calvagna, F.* 
Cantarero, M.* 
Consoli, O.* 
Consoli, S.* 
Palano, M.* 
Puglisi, B.* 
Puglisi, G.* 
Rossi, M.* 
TitleMonitoraggio geodetico delle deformazioni del suolo in area sismogenetica: la rete GPS dello Stretto di Messina
Issue Date2006
Series/Report no./ 42 (2006)
URIhttp://hdl.handle.net/2122/2605
KeywordsGPS
Subject Classification04. Solid Earth::04.03. Geodesy::04.03.01. Crustal deformations 
04. Solid Earth::04.03. Geodesy::04.03.07. Satellite geodesy 
04. Solid Earth::04.07. Tectonophysics::04.07.02. Geodynamics 
AbstractIl terremoto del 1908 che ha distrutto le città di Reggio Calabria e Messina costituisce il primo esempio in cui, attraverso l’utilizzo di dati geodetici, è stato possibile ricostruire il campo di deformazione verticale collegato al catastrofico evento. In questo lavoro vengono riassunti i principali risultati della ricerca incentrata sulla caratterizzazione cinematica dell’area dello Stretto di Messina e vengono presentati i primi risultati della rete misurata con modalità GPS nel corso del 2001 e del 2003 nella stessa area. Questi risultati confermano l’importanza dell’approfondimento delle attività di monitoraggio geodetico tra il complesso peloritano calabro e quello siciliano, anche allo scopo di chiarire le numerose ambiguità riscontrate, in questi anni, nella definizione delle strutture che hanno originato il terremoto del 1908.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
1314.pdf1.02 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

123
Last Week
0
Last month
checked on Jun 26, 2017

Download(s)

309
checked on Jun 26, 2017

Google ScholarTM

Check