Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/11403
Authors: Tonni, Laura* 
Gottardi, Guido* 
Amoroso, Sara* 
Bardotti, Roberto* 
Bonzi, Luciana* 
Chiaradonna, Anna* 
d’Onofrio, Anna* 
Fioravante, Vincenzo* 
Ghinelli, Allessandro* 
Giretti, Daniela* 
Lanzo, Giuseppe* 
Madiai, Claudia* 
Marchi, Michela* 
Martelli, Luca* 
Monaco, Paola* 
Porcino, Daniela* 
Razzano, Roberto* 
Rosselli, Silvia* 
Severi, Paolo* 
Silvestri, Francesco* 
Simeoni, Lucia* 
Vannucchi, Giovanni* 
Aversa, Stefano* 
Title: Interpreting the deformation phenomena triggered by the 2012 Emilia seismic sequence on the Canale Diversivo di Burana banks
Issue Date: 2015
Series/Report no.: 2/ (2015)
URI: http://hdl.handle.net/2122/11403
Abstract: L’ articolo descrive uno studio riguardante i fenomeni deformativi osservati dopo il sisma dell’Emilia del maggio 2012 lungo un tratto di argine del Canale Diversivo di Burana che ricade nell’abitato di Scortichino, frazione del comune di Bondeno (FE). In questa porzione del rilevato arginale sono state edificate oltre un centinaio di abitazioni ed alcune strutture di medio-piccole dimensioni adibite ad attività produttive o a deposito, molte delle quali sono risultate pesantemente danneggiate e dichiarate inagibili proprio a causa delle deformazioni e del sistema di fratture longitudinali presenti nel terreno in seguito al terremoto. Il contributo qui presentato si prefigge di analizzare la risposta sismica dell’argine durante la sequenza sismica del 2012, comprendere le cause dei dissesti nonché individuare le necessarie azioni di mitigazione e gli eventuali interventi di messa in sicurezza nei confronti di terremoti futuri. A questo scopo è stata condotta un’ampia campagna sperimentale di indagini in sito e in laboratorio, finalizzata alla ricostruzione di un accurato modello geotecnico per la valutazione delle condizioni di stabilità dell’argine in condizioni sismiche, portando in conto anche l’eventuale insorgenza di fenomeni di liquefazione nei terreni sabbiosi superficiali costituenti la fondazione del corpo arginale. L’ analisi illustrata è il risultato dell’attività di indagine svolta per più di un anno dal Gruppo di Lavoro Argini (GdLA), costituitosi nel luglio 2012 in seguito ad un accordo fra la Regione Emilia-Romagna e l’Associazione Geotecnica Italiana per la verifica delle condizioni di stabilità dei rilevati arginali nelle aree colpite dal terremoto.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Tonni et al_RIG2015.PDF19.73 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

5
checked on Apr 25, 2018

Download(s)

2
checked on Apr 25, 2018

Google ScholarTM

Check