Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/10898
Authors: Brancato, Alfonso* 
Cannavò, Flavio* 
Cassisi, Carmelo* 
Coltelli, Mauro* 
Mattia, Mario* 
Montalto, Placido* 
Patanè, Domenico* 
Proietti, Cristina* 
Scandura, Danila* 
Title: Procedura near real-time per la valutazione dell’hazard da eruzioni laterali all’Etna (Sicilia, Italia)
Issue Date: 2017
Series/Report no.: 144/ (2017)
URI: http://hdl.handle.net/2122/10898
Keywords: hazard
eruzioni effusive
Etna
near real-time
Subject Classification04.08. Volcanology
05.08. Risk
Abstract: L’Etna è uno stratovulcano composito situato lungo la costa ionica della Sicilia. Le frequenti eruzioni laterali (soprattutto lungo i Rift NE, S e O) fanno sì che ad esso sia associata una elevata pericolosità vulcanica. Se valutiamo anche l’elevato tasso di urbanizzazione dei suoi fianchi risulta evidente il notevole valore esposto al pericolo. Nel quadro del progetto PON SIGMA (Integrated Cloud-Sensor System for Advanced Multirisk Management), abbiamo sviluppato un’analisi in tempo quasi reale e completamente automatizzata volta alla valutazione delle aree soggette alla più alta probabilità di apertura di bocche effusive (vent) e il corrispondente hazard relativo all’accadimento di eruzioni effusive. L’algoritmo bayesiano BET_EF (Bayesian Event Tree_Eruption Forecasting), basato sull’albero degli eventi, è, nel nostro approccio, utilizzato inizialmente per la valutazione di una mappa di pericolosità a lungo termine sulla base dell’attività effusiva degli ultimi 4000 anni. L’analisi e l’inversione dei parametri monitorati in tempo reale, quali, ad esempio, dati sismici e sorgenti di tremore vulcanico, permette di valutare la funzione di densità di probabilità (PDF) a breve termine. Un’ulteriore applicazione dell’algoritmo BET_EF fornisce uno scenario, in termini di mappa di pericolosità, a breve termine per le simulazioni delle colate laviche. L’output della seconda applicazione del BET_EF costituisce l’input per simulare una serie di colate laviche e valutare il relativo hazard, definito in termini di impatto sul territorio. Allo scopo di testare limiti e utilità del nostro approccio integrato, abbiamo utilizzato, come test case, la fase intrusiva iniziale dell’eruzione laterale accaduta all’Etna nel maggio 2008. La previsione di apertura di vent evidenzia la zona con maggiore probabilità e, dall’analisi dei risultati, si nota un buon accordo tra l’area a probabilità più alta e la posizione effettiva del vent. È stata eseguita una serie di 200 simulazioni di colate per valutare le aree soggette a più alta probabilità di invasione lavica. Infine, è stata valutata la densità dei flussi simulati e i valori più alti sono risultati in accordo con l’area effettivamente coperta dal campo lavico dell’eruzione considerata.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Brancato_etal_QG_2017.pdf46.42 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

11
Last Week
1
Last month
checked on Jun 18, 2018

Download(s)

6
checked on Jun 18, 2018

Google ScholarTM

Check