Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/3825
AuthorsBrasini, F.* 
Camassi, R.* 
Castelli, V.* 
Chiodetti, A. G.* 
Ciccarone, A.* 
Nanni, T.* 
Ravaioli, R.* 
TitleTutti giù per terra. Percorso attivo di scoperta sul terremoto
Issue DateMay-2007
URIhttp://hdl.handle.net/2122/3825
Keywordsterremoto percorso attivo
Subject Classification05. General::05.03. Educational, History of Science, Public Issues::05.03.99. General or miscellaneous 
AbstractIn occasione della mostra-laboratorio TUTTI giù per TERRA che la Biblioteca Sala Borsa Ragazzi e l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia hanno redatto questa guida. TUTTI giù per TERRA è uno spazio di scoperta, attraverso exhibit, giochi e attività. È un modo per conoscere i terremoti, per affrontarli meglio. È un'occasione per confrontare le proprie esperienze, le proprie paure, i propri pensieri sul terremoto con gli altri. TUTTI giù per TERRA propone di sperimentare in prima persona sensazioni ed emozioni legate all’esperienza di un terremoto (attraverso la simulazione), e di indagare con esperimenti scientifici e giochi le conoscenze teoriche che spiegano terremoti ed eruzioni vulcaniche. Il percorso spinge i partecipanti a farsi domande e a cercare risposte: i terremoti non sono controllabili, ma possono risultare meno devastanti e spaventosi se compresi e affrontati correttamente: l'esplorazione di TUTTI giù per TERRA può aiutare a capirne di più e a comportarsi, in caso, nel modo più efficace. Farsi domande e immaginare risposte è quello che fanno anche i libri, attraverso la fantasia, il racconto, l’elaborazione di miti e leggende, l’invenzione di storie. Per questo abbiamo immaginato questa guida alla lettura, nella quale il terremoto, l’eruzione vulcanica e l’evento calamitoso in genere sono semplicemente un pretesto o un inciso, a volte marginale, per l’inizio di un’avventura, per il racconto di una storia. Insieme alla narrativa proponiamo una corposa bibliografia scientifica - per ragazzi, ma non solo - su terremoti, vulcani e calamità in genere: ancora libri, ma anche prodotti digitali (VHS, DVD e CD-Rom) e giochi, perché attraverso la lettura e il gioco, ancora una volta, nascono domande cui cercare risposta. da qualche tempo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, uno dei più importanti istituti di ricerca europei, ha messo le sue radici a Bologna, dove è attiva dal gennaio 2006 una sua Sezione. Radici che vengono da molto lontano: il suo presidente, Enzo Boschi, è bolognese d’adozione, e numerosi suoi ricercatori escono direttamente dal nostro ateneo. L’INGV svolge attività di ricerca d’avanguardia in molti campi della geofisica, dalla sismologia alla vulcanologia, dalla geologia alla climatologia. Nella sezione bolognese si fanno ricerche sismologiche (sismologia strumentale, struttura e dinamica dell’interno della terra, sismologia storica) ma anche studi di pericolosità vulcanica, dinamica del clima e oceanografia: tutte ricerche che utilizzano reti strumentali, senza rinunciare all’osservazione sul campo (come gli esploratori descritti dai libri di Verne), ma che soprattutto – e la cosa è certamente meno poetica - utilizzano la potenza di calcolo dei computer. Insieme a queste attività, a Bologna è nata NAUTILUS, una biblioteca scientifica per ragazzi, specializzata nelle discipline geologiche, geofisiche e ambientali, ed un progetto di formazione per le scuole sui rischi naturali. EDURISK, questo il nome del progetto, ha a sua volta realizzato libri per ragazzi e insegnanti, e soprattutto propone percorsi formativi nelle scuole, per riconoscere e proteggersi dai rischi che caratterizzano l’ambiente in cui viviamo. Tutti giù per terra è uno dei percorsi formativi proposti da EDURISK.
Appears in Collections:Books

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tutti_giu_per_terra.pdf6.3 MBAdobe PDFView/Open
TgpT_Bo07.pdf3.19 MBAdobe PDFView/Open
tgpt001.jpg6.38 kBJPEGView/Open
Show full item record

Page view(s)

307
Last Week
0
Last month
0
checked on Aug 22, 2017

Download(s)

1,701
checked on Aug 22, 2017

Google ScholarTM

Check