Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/11180
Authors: Moretti, Milena* 
Margheriti, Lucia* 
Bucci, Augusto* 
Cardinale, Vincenzo* 
Castagnozzi, Angelo* 
Cattaneo, Marco* 
Cecere, Gianpaolo* 
Cimini, Giovanni Battista* 
Colasanti, Gianfranco* 
Colasanti, Marco* 
Criscuoli, Fabio* 
D'Alema, Ezio* 
D'Ambrosio, Ciriaco* 
Danecek, Peter* 
De Luca, Giovanni* 
Falco, Luigi* 
Frapiccini, Massimo* 
Giandomenico, Edoardo* 
Giovani, Lucian* 
Govoni, Aladino* 
Ladina, Chiara* 
Lauciani, Valentino* 
Lovati, Sara* 
Marchetti, Alessandro* 
Marzorati, Simone* 
Massa, Marco* 
Memmolo, Antonino* 
Migliari, Franco* 
Minichiello, Felice* 
Monachesi, Giancarlo* 
Piccinini, Davide* 
Piccolini, Ulderico* 
Pintore, Stefano* 
Rao, Sandro* 
Silvestri, Marcello* 
Vallocchia, Massimiliano* 
Title: Emergenza sismica nel centro Italia. Terzo rapporto del gruppo operativo SISMIKO
Issue Date: 23-Apr-2017
URI: http://hdl.handle.net/2122/11180
Abstract: SISMIKO è una task force operativa che prevede il coordinamento a livello nazionale delle Reti Sismiche Mobili di Pronto Intervento dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) [Moretti et al., 2012; 2016; Pondrelli et al., 2016] e coinvolge le diverse Sezioni INGV che si occupano normalmente del monitoraggio sismico del territorio nazionale. La notte del 24 agosto 2016, a poche ore dal forte terremoto di magnitudo 6.0 che ha interessato il vasto settore del centro Italia, al confine tra l’Umbria, il Lazio, l’Abruzzo e le Marche [Gruppo di Lavoro INGV sul terremoto di Amatrice, 2016a; 2016b], SISMIKO, come gli altri gruppi operativi INGV previsti per la gestione delle emergenze, ovvero EMERGEO, per il rilievo degli effetti geologici cosismici, EMERSITO, per lo studio gli effetti di sito, QUEST per il rilievo macrosismico e IES rivolto alle attività informative per le scuole e la popolazione coinvolta, è stato prontamente convocato per partecipare all’Unità di Crisi INGV e, come previsto nell’ambito della Convenzione vigente fra il Dipartimento di Protezione Civile (DPC) e l’INGV, si è adoperato per l’installazione di stazioni sismiche temporanee ad integrazione della Rete Sismica Nazionale (RSN [Michelini et al., 2016]) presente in area epicentrale [SISMIKO working group, 2016a; Moretti et al., 2016]. La prima geometria della rete sismica temporanea installata da SISMIKO a pochi giorni dall’inizio della sequenza sismica, era costituita da 19 stazioni di cui 14 a 6 componenti (maggiori dettagli in [SISMIKO working group, 2016a; Moretti et al., 2016]). Successivamente, a seguito delle forti scosse che il 26 ottobre e poi il 30 ottobre hanno interessato il settore settentrionale della sequenza, la rete è stata ampliata di circa 25 km verso nord [SISMIKO working group, 2016b] portando a 23 il numero delle stazioni temporanee distribuite in un’area di circa 75 x60 km2. Nei primi giorni del nuovo anno, a causa di avverse condizioni meteo che hanno interessato tutta l’area colpita dal sisma, molte stazioni sismiche, sia permanenti che temporanee, hanno avuto gravi problemi di funzionamento mettendo a dura prova il sistema di monitoraggio della sequenza sismica in atto: numerose sono state le interruzioni della corrente elettrica che hanno influito sulla continuità della trasmissione dei dati, soprattutto nell’area abruzzese. Per diversi giorni è stato considerato imprudente mandare personale in area epicentrale per la manutenzione e il ripristino della strumentazione, considerato che era comunque garantita l’efficienza del servizio di sorveglianza sismica. La mattina del 18 gennaio, 4 nuove scosse di magnitudo superiore a 5.0 sono avvenute nell’estremità meridionale dell’area già attivatasi e quindi, seppur con difficoltà, sono state avviate le procedure per il ripristino del maggior numero di stazioni sismiche possibile. In tale occasione è stata installata una ulteriore stazione nella zona a SW della sequenza, a migliore copertura dell’ultima area colpita, portando a 24 il numero totale di stazioni temporanee installate dal 24 agosto 2016. In queste ultime settimane, il personale del gruppo operativo SISMIKO è stato costantemente impegnato nella cura e nella manutenzione della strumentazione per garantire la continuità dell’acquisizione e della trasmissione dei dati. Alla data di aggiornamento del presente report, è stata decretata, anche in considerazione dell’andamento della sismicità, una rimodulazione della geometria della rete sismica temporanea che avverrà durante la primavera. Tutti i dati acquisiti dalle stazioni temporanee SISMIKO, continuano ad essere disponibili senza alcun vincolo, al pari dei dati della RSN, tramite l’archivio di forme d’onda European Integrated Data Archive (EIDA [Mazza et al., 2012]) e utilizzati per prodotti scientifici in tempo reale (localizzazioni fornite in sala di sorveglianza sismica INGV, calcolo dei Time Domain Moment Tensor, shakeMaps, ecc) e off-line (ri-localizzazioni, ecc).
Appears in Collections:Reports

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
2017_TerzoReport_Sismiko_23042017.pdf3.6 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

24
checked on Oct 19, 2018

Download(s)

23
checked on Oct 19, 2018

Google ScholarTM

Check