Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/11142
Authors: Nardi, Anna* 
Margheriti, Lucia* 
Marchetti, Alessandro* 
Ciaccio, Maria Grazia* 
Bono, Andrea* 
Rossi, Antonio* 
Battelli, Patrizia* 
Melorio, Cinzia* 
Lauciani, Valentino* 
Berardi, Michele* 
Castellano, Corrado* 
Battelli, Alexia* 
Thermes, Corrado* 
Modica, Giorgio* 
Pagliuca, Nicola Mauro* 
Lisi, Arianna* 
Pizzino, Luca* 
Baccheschi, Paola* 
Castello, Barbara* 
Pintore, Stefano* 
Marcocci, Carlo* 
Mandiello, Alfonso Giovanni* 
Moretti, Milena* 
Vallocchia, Massimiliano* 
Govoni, Aladino* 
Basili, Alberto* 
Mazza, Salvatore* 
Title: Rapporto Sulle Attività Svolte Dal Gruppo Bollettino Sismico Italiano A Seguito Della Sequenza Sismica Del Centro Italia 2016-2017 Nel Periodo Tra Il 23-9-2016 Ed Il 16-01-2017
Issue Date: 2017
URI: http://hdl.handle.net/2122/11142
Abstract: La sequenza sismica del centro Italia, successivamente al terremoto di Amatrice di fine agosto, è stata caratterizzata da altri forti terremoti alla fine del mese di ottobre 2016. Il 26 ottobre due eventi di Mw 5.4 e 5.9 hanno interessato l’area posta al confine Marche-Umbria tra i Comuni di Castelsantangelo sul Nera (MC), Norcia (PG) e Arquata del Tronto (AP). La mattina del 30 ottobre un terremoto di Mw 6.5 con epicentro non lontano da Norcia ha interessato l’intera area già profondamente colpita dalla sequenza; questo è stato il più forte terremoto registrato negli ultimi 30 in Italia. A 5 mesi dall’inizio dell’emergenza sismica, il Bollettino Sismico Italiano ha portato a termine la revisione di tutti gli eventi con ML≥ 3.5: parte di questi (insieme alla revisione delle ore che hanno seguito il primo mainshock) sono stati oggetto del primo report (3 ottobre 2016) e del lavoro Marchetti et al. (2016), un’altra parte degli eventi “forti” è stata pubblicata il 17 novembre in ISIDe e nella pagina CNT.ingv.it (insieme anche alla revisione delle prime ore del 30 ottobre, fino alle 7:30 UTC) con relativo comunicato fatto dal funzionario INGV. I restanti eventi già rivisti dagli analisti del BSI sono elencati in questo report e saranno pubbicati a fine gennaio. Gli eventi rivisti integrano all’interno del BSI tutte le stazioni i cui dati sono archiviati nello European Integrated Data Archive, cioè oltre alle stazioni delle varie reti permanenti che costituiscono la Rete Sismica Nazionale Italiana vengono integrate le stazioni delle reti permanenti presenti nelle Marche e le stazioni temporanee installate dal gruppo di emergenza SISMIKO, le cui registrazioni vengono archiviate in EIDA, in tempi brevi, insieme alle stazioni trasmesse in real-time. Durante la sequenza molti degli analisti del BSI sono stati impegnati a coprire la turnazione prevista per lo svolgimento del servizio di sorveglianza nella sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di Roma e in DICOMAC; questa esigenza non ha consentito di procedere rapidamente nella revisione dell’intera sequenza ma grazie al supporto di personale INGV generalmente non impiegato nel BSI si sta organizzando la revisione della stessa che sarà realizzata nel corso del 2017. A partire dal 23 settembre 2016 (facendo quindi riferimento all’ultimo report del BSI) fini al 16 gennaio 2017 sono stati analizzati e ricontrollati 221 eventi in generale di magnitudo ML≥ 3.5 (con qualche eccezione...
Appears in Collections:Reports

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
report2_BSI_27_01_2017_doi.pdf2.87 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

21
Last Week
0
Last month
0
checked on May 27, 2019

Download(s)

10
checked on May 27, 2019

Google ScholarTM

Check