Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/9593
AuthorsBonardi, Maurizio 
Tosi, Luigi 
TitleStudio sedimentologico di un livello di argilla sovraconsolidata sottostante il litorale veneziano
Issue Date2000
PublisherIstituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
URIhttp://hdl.handle.net/2122/9593
ISBN88-86166-82-6
Keywordscaranto
limite Olocene/Pleistocene
Venezia
geotecnica
mineralogia
argille
Subject Classification04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.99. General or miscellaneous 
AbstractABSTRACT The effect of global climatic changes that occurred since the last Würmian glaciation is recognizable in the stratigraphic sequences of the Pleistocene-Holocene boundary zone from several coastal areas in different locations around the world. This study gives the results of mineralogical, chemical, and textural investigations of about fifty samples of the hard clay layers and the clay layers above and below underlying the Venice littoral. This hard clay layer, locally known as caranto, from few centimeters to few meters thick, represents the Holocene/Pleistocene boundary and it carries the marks of climate changes that characterized the last phase of the Pleistocene and the early part of the Holocene. The very dry climate during a period of very limited sedimentation and a long subaerial exposition, desiccated, compacted and oxidized the clay previously deposited, to form the overconsolidated clay level (caranto). RIASSUNTO Gli effetti delle variazioni climatiche succedutesi, su scala globale, a partire dall'ultima glaciazione würmiana sono riconoscibili nelle sequenze stratigrafiche in varie località costiere sparse in tutto il mondo. In questo studio vengono riportati i risultati preliminari di una indagine sulle caratteristiche mineralogiche, geochimiche e tessiturali di circa cinquanta campioni di un livello di argilla sovraconsolidata e degli strati argillosi sopra e sottostanti, lungo il litorale veneziano. Questo strato di argilla sovraconsolidata, noto come "caranto", con spessore variante da pochi centimetri ad alcuni metri, rappresenta il limite Olocene/Pleistocene e conserva gli effetti dei cambiamenti climatici che hanno caratterizzato l'ultima fase del Pleistocene e quella iniziale dell'Olocene. Il clima freddo e molto arido, durante un periodo di sedimentazione molto limitata e la prolungata esposizione subaerea hanno determinato l'essiccamento, la compattazione e l'ossidazione dell'ultima sedimentazione continentale argillosa, sino a formare quel livello sovraconsolidato che e' noto col nome locale di caranto.
Appears in Collections:Book chapters

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Studio_argilla_sovraconsolidata_Venezia.pdfMain article1.88 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

182
checked on Apr 24, 2017

Download(s)

109
checked on Apr 24, 2017

Google ScholarTM

Check