Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/9272

Authors: Amato, V.*
Aucielli, P. C. P.*
Bellucci Sessa, E.*
Cesarano, M.*
Incontri, P.*
Pappone, G.*
Valente, E.*
Vilardo, G.*
Title: La valutazione delle deformazioni del suolo nella piana di Venafro mediante l’elaborazione di dati PSInSar, morfo-strutturali e stratigrafici
Editors: Federazione ASITA
Issue Date: Oct-2014
Publisher: Federazione ASITA
Keywords: PS InSAR
Geomorphology
Abstract: I bacini intramontani dell’Appennino centro-meridionale sono soggetti, sin dalla loro genesi (Pleistocene inferiore), a deformazioni del suolo, la cui non uniforme distribuzione e la cui diversa entità sono una risposta all’attività di faglie, intersecanti e bordanti le pianure, e al costipamento differenziale dei depositi costituenti le successioni sedimentarie di riempimento. Al fine di valutare la distribuzione spaziale dei movimenti verticali e le relative velocità, e di interpretarne correttamente le cause, è stato affrontato uno studio multidisciplinare che ha previsto l’elaborazione di dati radar con tecnica PSInSAR, lo studio geomorfologico e strutturale e l’analisi stratigrafica di dati di sottosuolo della piana di Venafro, ampia depressione tettonica interposta tra i M. delle Mainarde-M. di Venafro ed i M. del Matese e drenata dal F. Volturno. L’interpolazione dei dati PS, effettuata in ambiente GIS, riferita a due intervalli di tempo, 1995–2000 (ERS) e 2003–2008 (ENVISAT) ha permesso di valutare i ‘cumulative vertical displacements’ (mm), i ‘displacement rates’ (mm/a) e il ‘gradient field’ dei ‘displacement rates’, consentendo di individuare alcuni settori del bacino che si distinguono per tassi di subsidenza superiori alla media e per comportamento deformativo costante nel tempo. Risulta evidente una correlazione tra la distribuzione spaziale del quadro deformativo di natura interferometrica, lo sviluppo geometrico delle faglie che interessano la piana e la natura litologica del riempimento sedimentario. I valori maggiori di subsidenza si registrano nel settore centrale della piana, probabilmente indotti da un maggiore spessore dei depositi di riempimento, nonché dalla presenza di depositi argillo-sabbiosi poco addensati e più suscettibili al costipamento, così come dalla presenza di alcuni lineamenti tettonici orientati NE-SW e NW-SE. In particolare, i valori maggiori si registrano a valle di una scarpata morfologica, orientata NW-SE, coincidente anche con un importante ‘knick point’ del F. Volturno, oltre che a valle di una faglia, orientata NW-SE (Faglia dell’’Aquae Juliae’), attiva in tempi storici per aver dislocato l’acquedotto romano.
Appears in Collections:Conference materials
04.01.02. Geological and geophysical evidences of deep processes
04.04.09. Structural geology
04.03.01. Crustal deformations
04.07.07. Tectonics

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
Asita_2014_PS_Venafro.pdf332.15 kBAdobe PDFView/Open

This item is licensed under a Creative Commons License
Creative Commons


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA