Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/9217
AuthorsTosi, Luigi 
TitleL'EVOLUZIONE PALEOAMBIENTALE TARDO-QUATERNARIA DEL LITORALE VENEZIANO NELLE ATTUALI CONOSCENZE
Issue Date1994
Series/Report no.Issue 2 / Volume 7
URIhttp://hdl.handle.net/2122/9217
KeywordsTardo Pleistocene, Olocene, trasgressione Flandriana, paleoambienti, Venezia, Italia
Late Pleistocene, Holocene, Flandrian transgression, palaoenvironments, Venice, Italy
Subject Classification04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.08. Sediments: dating, processes, transport 
AbstractNegli anni settanta lungo il cordone litoraneo veneziano sono stati terebrati 18 sondaggi a carotaggio continuo spinti fino a circa 25 metri di profondità. Le analisi diverse condotte sui campioni recuperati, e gli studi specifici a carattere paleontologico, sedimentologico, geotecnico e radiometrico sono oggetto di lavori noti in letteratura. In questo lavoro se ne correlano i risultati per studiare l'evoluzione ambientale dell'area litoranea veneziana awenuta negli ultimi 30.000 anni circa, periodo che comprende l'ultima fase della glaciazione wOrmiana e la trasgressione marina Flandriana. Ai sedimenti tardo pleistocenici è stata attribuita la deposizione unicamente continentale, di tipo fluviale, lacustre o palustre, mentre a quelli olocenici è riferibile in generale la deposizione marina, lagunare e localmente continentale. La successione spaziale e temporale dei paleoambienti ha consentito di sviluppare un modello evolutivo dell'area litorale veneziana. In generale è stata riscontrata una diversità tra gli ambienti deposizionali della zona meridionale e quelli della zona settentrionale, sia nella sedimentazione tardo pleistocenica che in quella olocenica, le cui cause sono state attribuite principalmente alla paleomorfologia dell'area veneziana. Nei depositi trasgressivi olocenici sono state riconosciute due fasi principali, distinguibili a scala comprensoriale per la dinamica della risalita marina e a scala locale per la dinamica fluviale, e dei cicli regressivi- trasgressivi minori più discontinui. The evolution of the Venetian littoral in the last 30,000 years has been inferred on the basis of paleontological, sedimentological, geotechnical and radiocarbon dating analyses performed on hundreds of sediment samples from 18 cores obtained with boreholes up to the depth of 25 m, and of related literature. Late-Pleistocene sediments are made up of continental fluvial, lacustrine and marshy deposits, while Holocene soils be long to a marine-Iagoon environment with local evidence of a continental sedimentation. Different depositional environments are identified in the southem portion and northem portions of the Venetian littoral for both Pleistocene and Holocene times. In particular, the Holocene includes two marine transgressions recognizable on a regional scale as due to a sea level rising, and on a local scale as due to fluvial dynamics. Some minor discontinuous regression-transgression cycles are also identified.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
1327328422QuaternarioVol7Fasc2pag589-596 (2).pdfMain article1.53 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

99
Last Week
0
Last month
checked on Jun 23, 2017

Download(s)

25
checked on Jun 23, 2017

Google ScholarTM

Check