Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/9193
AuthorsTosi, Luigi 
Teatini, Pietro 
Strozzi, Tazio 
Carbognin, Laura 
Brancolini, Giuliano 
Rizzetto, Federica 
TitlePresent ground surface dynamics in the North Adriatic coastland
Issue Date5-Nov-2009
PublisherSocietà Geologica Italiana
URIhttp://hdl.handle.net/2122/9193
KeywordsLand subsidence
Deep and shallow components
Natural and anthropogenic factors
Intraplate processes
Spatial variability
North Adriatic coastland
Ground surface dynamics
Subject Classification04. Solid Earth::04.03. Geodesy::04.03.99. General or miscellaneous 
AbstractLe livellazioni geometriche sono state nel secolo scorso l’unico metodo di rilievo altimetrico che abbia consentito di misurare con precisione l'entità della subsidenza “moderna” dell’area costiera nord adriatica. Solo alla fine degli anni 1990 è stata istallata una rete per misure GPS in differenziale (DGPS) e in continuo (CGPS). Nell’ultimo decennio inoltre, l'utilizzo del radar ad apertura sintetica (SAR) su vettori satellitari ha consentito lo sviluppo e l’affinamento dell’analisi interferometrica differenziale (InSAR) e dell’analisi interferometrica su riflettori persistenti (IPTA) che si sono dimostrati di estrema efficacia per lo studio dei movimenti verticali del suolo. Nel caso della pianura costiera Veneta, sono stati utilizzati i satelliti ERS-1/2 ed ENVISAT dell’Agenzia Spaziale Europea, rispettivamente per il periodo 1992-2005 e 2003-2009, ed il satellite TerraSAR-X dell’Agenzia Spaziale Tedesca, per il biennio 2008-2009. Oggi si dispone di una densità di dati SAR che, data la risoluzione spaziale dei satelliti tra 20 e 3 m, è maggiore di circa 2 ordini di grandezza nelle l’analisi a scala regionale e più di 3 ordini per analisi locali rispetto alle misure tradizionali su capisaldi. Ciò ha permesso la mappatura dei movimenti del suolo a scala “regionale” (100×100 km2), locale (10×10 km2) e puntale al livello di singole strutture. Le serie di dati SAR sono stati calibrati e validati con le misure altimetriche di livellazione, DGPS e CGPS nella rete di monitoraggio ISES-IRMA. Grazie all’elevata densità di informazioni, all’ottima risoluzione spaziale e accuratezza verticale millimetrica del monitoraggio SAR è emersa una dinamica verticali del territorio costiero Veneto diversa da quanto ottenibile utilizzando le sole tecniche di livellazione tradizionale. L’immagine attuale indica che il processo subsidenziale si esplica con una forte variabilità spaziale, sia a scala regionale che locale. L’analisi integrata dei dati altimetrici e delle numerose nuove informazioni sul sottosuolo, recentemente acquisite nell’ambito di una serie di ricerche condotte dagli Autori, ha permesso la caratterizzazione delle componenti dei movimenti verticali del suolo della pianura costiera Veneta in funzione della profondità alla quale agiscono e la loro distribuzione areale.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tosi_et_al_lynx_.pdfMain article203.29 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

84
Last Week
0
Last month
checked on Jun 22, 2017

Download(s)

31
checked on Jun 22, 2017

Google ScholarTM

Check