Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/8809

Authors: Moretti, M.*
Michelini, A.*
Amato, A.*
Di Giovambattista, R.*
Faenza, L.*
Govoni, A.*
Lauciani, V.*
Marcocci, C.*
Margheriti, L.*
Massa, M.*
Mazza, S.*
Mele, F. M.*
Montone, P.*
Pantosti, D.*
Pintore, S.*
Quintiliani, M.*
Scarlato, P.*
Scognamiglio, L.*
Tertulliani, A.*
Title: L’esercitazione nazionale di protezione civile sul rischio sismico “Nord-Est 2013” (13-15 settembre 2013) e la partecipazione dell’INGV. Report finale
Title of journal: Rapporti Tecnici INGV
Series/Report no.: 264/(2013)
Issue Date: 26-Nov-2013
URL: http://istituto.ingv.it/l-ingv/produzione-scientifica/rapporti-tecnici-ingv/
Keywords: Exercise of civil protection
Seismic monitoring
Abstract: Nell’ambito delle commemorazioni per i 50 anni dalla frana del Vajont, il Dipartimento della Protezione Civile (DPC), la Regione Veneto e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia con il coinvolgimento delle Province Autonome di Trento e Bolzano, hanno organizzato un’esercitazione sul rischio sismico denominata “Nord-Est 2013” svoltasi dal 13 al 15 settembre 2013. Obiettivo primario dell’iniziativa era verificare la capacità di risposta in situazioni di emergenza di tutte le componenti e le strutture operative della Protezione Civile, a livello centrale e periferico, e della rete di collaborazioni ad essa collegate. L’esercitazione prevedeva la simulazione di un terremoto di magnitudo Richter (ML) 5.8 alle ore 7.30 locali con epicentro nel Comune di Tambre, in Provincia di Belluno, i cui effetti, in termini di popolazione coinvolta in crolli, avrebbero interessato anche le Province di Treviso e Pordenone. Come terremoto di riferimento per l’iniziativa, è stato scelto l’evento sismico di Bosco Cansiglio avvenuto il 18 ottobre 1936 alle 3:10 UTC (MW 5.8) (Figura 1 [Barbano et al., 1986]). L’emergenza simulata era, ai fini dell’attività di protezione civile1, di tipo C ovvero di rilievo nazionale (il tipo A si riferisce alle emergenze locali, gestibili su scala comunale; quelle di tipo B alle emergenze che richiedono una risposta e risorse su scala provinciale o regionale). L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha partecipato attivamente all’esercitazione “Nord-Est 2013” nella giornata di sabato 14 settembre (dalle 7.30 alle 17.30, ora locale), attivando le procedure che sono disposte in caso di evento sismico come previsto dall’Allegato A2 dell’Accordo Quadro 2012-2021 della Convenzione esistente fra l’INGV e il Dipartimento della Protezione Civile (DPC). Nel presente report sono descritte brevemente le azioni approntate dall’INGV sia nella fase di pianificazione che durante l’esercitazione stessa; sebbene il risultato conseguito si possa ritenere più che positivo, in questo lavoro si vogliono mettere in evidenza alcune criticità osservate per le quali sarà opportuno trovare delle soluzioni da adottare nella prossima emergenza.
Appears in Collections:04.06.06. Surveys, measurements, and monitoring
Papers Published / Papers in press

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
2013_RT_264_MorettietAl.pdfMain article3.41 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA