Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/8383
AuthorsCinti, D.* 
Procesi, M.* 
TitleCaratterizzazione geochimica delle acque dei fontanili e delle polle a emissione gassosa della Riserva Naturale Regionale Monterano
Issue Date2012
URIhttp://hdl.handle.net/2122/8383
KeywordsFluids Geochemistry
Latium
Sabatini Volcanic District
Subject Classification05. General::05.02. Data dissemination::05.02.01. Geochemical data 
AbstractL’area della riserva naturale Monterano è ubicata nel settore occidentale del distretto vulcanico Sabatino, in un contesto geochimico caratterizzato dalla presenza di numerose manifestazioni termali ed emissioni gassose (Baldi et al., 1973; Dall’Aglio et al., 1994; Minissale et al., 1997; Minissale, 2004). Tali manifestazioni sono frequenti nel settore peri-Tirrenico dell’Italia centrale (Duchi e Minissale, 1995; Chiodini et al., 1995, 1999; Barberi et al., 2007; Frondini, 2008; Frondini et al., 2009) e sono comunemente associate all’attività magmatica seguita ai movimenti tettonici distensivi avvenuti durante il Neogene (Buonasorte et al., 1987; Barberi et al., 1994). Dal punto di vista geologico i prodotti vulcanici del distretto Sabatino ricoprono una sequenza sedimentaria che comprende, dal basso verso l’alto: 1) la formazione dei Calcari Mesozoici, 2) il Flysch Tolfetano di età Cretacico-Oligocenica e 3) la formazione delle sabbie e argille del Miocene e Quaternario. I Calcari Mesozoici sono sede di un acquifero termale, esteso su scala regionale, a composizione Ca-SO4(HCO3), e di una fase gassosa ricca in CO2. Le vulcaniti sabatine e la formazione del Flysch Tolfetano contengono acquiferi freddi di limitate dimensioni, a composizione rispettivamente Ca(Na, K)-HCO3 e Ca(Mg)-HCO3. Le formazioni pre-vulcaniche sono state interrotte nella loro continuità laterale da faglie distensive che hanno generato un’alternanza di alti e bassi strutturali (horst e graben). E’ in corrispondenza delle zone di alto strutturale e lungo i bordi tra alti e bassi che si osserva la risalita di fluidi di origine profonda (acque termali e gas) che possono mescolarsi con le acque fredde superficiali e/o raggiungere la superficie. Il presente studio si propone di fornire un’accurata caratterizzazione geochimica dei fluidi (acque e gas) presenti all’interno della riserva naturale Monterano, al fine di stabilirne l’origine, le modalità di circolazione e risalita verso la superficie e i processi di interazione acqua–gas–roccia.
Appears in Collections:Book chapters

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
libro_14_03.pdfBook Chapter25.96 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

211
Last Week
0
Last month
2
checked on Aug 16, 2017

Download(s)

44
checked on Aug 16, 2017

Google ScholarTM

Check