Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/8121

Authors: Falcucci, E.*
Ceccaroni, E.*
Galadini, F.*
Gori, S.*
Title: Faglia della Valle Subequana: indagini paleosismologiche e dati archeologici a supporto
Title of journal: Quaderni di Archeologia d'Abruzzo
Series/Report no.: 2/(2012)
Issue Date: 2012
Keywords: active fault, paleoseismology, active tectonics
Abstract: Gli studi effettuati lungo la faglia della Valle Subequana mostrano che l’evento di fagliazione più recente individuato (probabilmente l’ultimo da ascriversi a questa faglia, anche se episodi di fagliazione più recenti non possono essere del tutto esclusi) è avvenuto successivamente al III-II secolo a.C. Inoltre, l’assenza nei cataloghi sismici di terremoti storici di elevata magnitudo attribuibili all’attivazione di questa struttura tettonica indica che l’evento più recente riconosciuto nelle pareti degli scavi geognostici deve essere avvenuto, appunto, tra III-II sec. a.C. (età dell’unità più recente dislocata dal piano della faglia) e XI-XIII secolo d.C., considerando che per gli ultimi 800-1000 anni i cataloghi sismici sono da ritenersi completi in riferimento ai forti terremoti.Le tracce archeologiche di distruzione improvvisa e l’abbandono del “tempio B” di Castel di Ieri, precedentemente alla costruzione del “tempio A” avvenuta nel II-I secolo a.C., sembrano del tutto compatibili con gli effetti dell’attivazione della faglia della Valle Subequana. Tale indicazione suggerirebbe di restringere ulteriormente l’ambito cronologico di occorrenza dell’evento sismico proprio al II-I secolo a.C. In attesa del reperimento di informazioni archeologiche utili ad arricchire il quadro archeosismologico areale, mediante correlazione cronologica di possibili tracce cosismiche in più siti archeologici, i dati attualmente disponibili fanno ritenere probabile che il tempo intercorso dall’ultima attivazione della faglia della Valle Subequana sia superiore ai duemila anni.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press
04.04.01. Earthquake geology and paleoseismology

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
Falcucci_et_al.PDF460.2 kBAdobe PDFonly authorized users View/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA