Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/7565

Authors: Marzorati, S.*
Cattaneo, M.*
D'Alema, E.*
Frapiccini, M.*
Ladina, C.*
Monachesi, G.*
Title: Sensori in pozzo della RSN dell'INGV
Title of journal: Miscellanea INGV
Series/Report no.: 10/ (2011)
Publisher: INGV
Issue Date: 2011
URL: http://istituto.ingv.it/l-ingv/produzione-scientifica/miscellanea-ingv/copy_of_numeri-pubblicati-2010/2011-07-14.3583984884/download
Keywords: sensori
pozzo
borehole
noise sismico
Abstract: L’utilizzo di sensori in pozzo ha l’obiettivo di migliorare il rapporto segnale-disturbo per poter registrare segnali di eventi sismici in zone dove le registrazioni in superficie sono corrotte dai disturbi. Infatti, le registrazioni superficiali sono affette dal noise sismico ambientale il quale è particolarmente elevato in zone industrializzate a frequenze generalmente superiori ad 1 Hz [McNamara and Buland, 2004]. La RSN dell’INGV, gestita dal CNT [vedi Delladio, 2011 - in questo volume], è dotata attualmente di 6 sensori in pozzo, ubicati nelle seguenti località: Castelleone (CR), Imola (BO), Bellaria (RN), Senigallia (AN), Sansepolcro (AR), Città di Castello (PG). Le prime 4 località si trovano in pianura padana (Castelleone e Imola) e sulla costa adriatica (Bellaria e Senigallia): in questi siti l’utilizzo di un sensore in pozzo ha lo scopo di ottenere registrazioni in cui i disturbi antropici possano essere significativamente abbattuti, in quanto le aree citate sono tra le più industrializzate e urbanizzate del territorio nazionale [Marzorati and Bindi, 2006]. I pozzi di Sansepolcro e Città di Castello rientrano nell’area di interesse della Faglia Alto Tiberina, in cui terremoti di piccolissima magnitudo vengono registrati solo in siti particolarmente silenziosi dal punto di vista del noise sismico ambientale; perciò i due sensori in pozzo hanno lo scopo di avere un punto di osservazione più vicino alla sorgente dei segnali che si vogliono registrare. Nei prossimi paragrafi sono mostrati alcuni esempi utili per poter valutare l’efficienza dei sensori in pozzo.
Appears in Collections:04.06.06. Surveys, measurements, and monitoring
Papers Published / Papers in press

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
miscellanea10.pdf7.68 MBAdobe PDFView/Open

This item is licensed under a Creative Commons License
Creative Commons


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA