Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/6996
AuthorsTerranova, C.* 
Vilardo, G.* 
Bellucci Sessa, E.* 
Pepe, M.* 
Ventura, G.* 
TitleAnalisi multitemporale (2006-2010) di dati LiDAR da aereo sulla frana attiva di Montaguto (AV)
Issue DateApr-2011
Series/Report no./34 (2011)
DOI10.1474/Geoitalia-34-12
URIhttp://hdl.handle.net/2122/6996
KeywordsLiDAR
Landslide
morphometric parameters
Montaguto
Subject Classification04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.03. Geomorphology 
AbstractTecniche di monitoraggio Lidar multi temporale sono state sperimentate dalla Nuova Avioriprese S.r.l., azienda del Consorzio AeroSigma S.c.a.r.l., in stretta collaborazione con il Laboratorio di Geomatica e Cartografia (LGC) dell’Osservatorio Vesuviano, Sez. di Napoli dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – INGV, al fine di definire una procedura di monitoraggio delle frane attive basata su dati da Telerilevamento aereo di tipo ottico, termico e Lidar. La frana di Montaguto (AV), attualmente la frana attiva più lunga d’Europa (3.800 Km) che ha recentemente coinvolto importanti infrastrutture di collegamento tra Puglia e Campania con gravi danni economici e sociali, ha rappresentato il caso reale di applicazione della metodologia di monitoraggio aereo. Questo movimento gravitativo del suolo, la cui dinamica ed evoluzione risulta ascrivibile, con le dovute differenze di temperatura e viscosità ad una colata lavica incanalata, è iniziato nel 2004 su terreni agricoli fino ad invadere, nel 2006, il fondovalle del Fiume Cervaro; nel 2010 la frana ha raggiunto la SS 90 e successivamente la linea ferroviaria Caserta Foggia, interrompendo per mesi i collegamenti su uno dei principali assi di trasporto del Meridione. La complessità e l’estensione del fenomeno attivo, la sua velocità di movimento e deformazione, unitamente alle condizioni di elevata esposizione al rischio delle infrastrutture di trasporto presenti, richiedono il supporto di strumenti in grado di poter percepire in modo areale gli spostamenti e le modificazioni in atto con l’obiettivo di prevederne l’evoluzione in termini di dinamica, estensione e volumi potenzialmente interessati Le informazioni estratte dai dati Lidar multi temporali, integrate da dati ottici aerei e da dati cartografici hanno consentito la produzione di utili parametri di studio e monitoraggio del fenomeno franoso, verificando le condizioni di evoluzione dei fenomeno nel tempo e monitorando gli effetti degli interventi di messa in sicurezza e di mitigazione degli eventuali rischi di riattivazione del fenomeno.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
GEOITALIA_Lidar Montaguto.pdfMain Article2.16 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

208
checked on Apr 27, 2017

Download(s)

149
checked on Apr 27, 2017

Google ScholarTM

Check

Altmetric