Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/6996

Authors: Terranova, C.*
Vilardo, G.*
Bellucci Sessa, E.*
Pepe, M.*
Ventura, G.*
Title: Analisi multitemporale (2006-2010) di dati LiDAR da aereo sulla frana attiva di Montaguto (AV)
Title of journal: Geoitalia
Series/Report no.: /34 (2011)
Publisher: Geoitalia Fist Onlus
Issue Date: Apr-2011
DOI: 10.1474/Geoitalia-34-12
Keywords: LiDAR
Landslide
morphometric parameters
Montaguto
Abstract: Tecniche di monitoraggio Lidar multi temporale sono state sperimentate dalla Nuova Avioriprese S.r.l., azienda del Consorzio AeroSigma S.c.a.r.l., in stretta collaborazione con il Laboratorio di Geomatica e Cartografia (LGC) dell’Osservatorio Vesuviano, Sez. di Napoli dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – INGV, al fine di definire una procedura di monitoraggio delle frane attive basata su dati da Telerilevamento aereo di tipo ottico, termico e Lidar. La frana di Montaguto (AV), attualmente la frana attiva più lunga d’Europa (3.800 Km) che ha recentemente coinvolto importanti infrastrutture di collegamento tra Puglia e Campania con gravi danni economici e sociali, ha rappresentato il caso reale di applicazione della metodologia di monitoraggio aereo. Questo movimento gravitativo del suolo, la cui dinamica ed evoluzione risulta ascrivibile, con le dovute differenze di temperatura e viscosità ad una colata lavica incanalata, è iniziato nel 2004 su terreni agricoli fino ad invadere, nel 2006, il fondovalle del Fiume Cervaro; nel 2010 la frana ha raggiunto la SS 90 e successivamente la linea ferroviaria Caserta Foggia, interrompendo per mesi i collegamenti su uno dei principali assi di trasporto del Meridione. La complessità e l’estensione del fenomeno attivo, la sua velocità di movimento e deformazione, unitamente alle condizioni di elevata esposizione al rischio delle infrastrutture di trasporto presenti, richiedono il supporto di strumenti in grado di poter percepire in modo areale gli spostamenti e le modificazioni in atto con l’obiettivo di prevederne l’evoluzione in termini di dinamica, estensione e volumi potenzialmente interessati Le informazioni estratte dai dati Lidar multi temporali, integrate da dati ottici aerei e da dati cartografici hanno consentito la produzione di utili parametri di studio e monitoraggio del fenomeno franoso, verificando le condizioni di evoluzione dei fenomeno nel tempo e monitorando gli effetti degli interventi di messa in sicurezza e di mitigazione degli eventuali rischi di riattivazione del fenomeno.
Appears in Collections:04.04.03. Geomorphology
Papers Published / Papers in press

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
GEOITALIA_Lidar Montaguto.pdf2.16 MBAdobe PDFView/Open

This item is licensed under a Creative Commons License
Creative Commons


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA