Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/6757

Authors: Orsi, G.*
Civetta, L.*
D'Antonio, M.*
Editors: Calcaterra, D.; Dipartimento di Ingegneria idraulica,geotecnica ed ambientale Università di Napoli Federico II
Morra, V.; Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Napoli Federico II
Title: La pericolosità vulcanica a lungo termine della Caldera dei Campi Flegrei
Issue Date: 2010
ISBN: 978-88-6026-118-2
Keywords: pericolosità vulcanica
Campi Flegrei
Abstract: La caldera dei Campi Flegrei è una struttura attiva, complessa e risorgente, ad elevata pericolosità vulcanica, anche per il carattere esplosivo del suo vulcanismo. Data la sua ubicazione nell’area napoletana, densamente urbanizzata, anche il rischio vulcanico è molto elevato. In questo articolo, sintetizzando i risultati di studi recenti, vengono presentate sia la storia vulcanica e deformativa della caldera, incluso il suo sistema magmatico di alimentazione, che una valutazione della sua pericolosità a lungo termine. In caso di ripresa dell’attività in tempi brevi o medi, le aree tra le piane di Agnano e San Vito, e tra Monte Nuovo e Averno, sono quelle a maggiore probabilità di apertura di un nuovo centro eruttivo; tra le due, l’area Agnano-San Vito è quella a probabilità più elevata. Una futura eruzione di tipo esplosivo, indipendentemente dalla sua dimensione, ha un’elevata probabilità di accadimento (89%), mentre un’eruzione di tipo effusivo è meno probabile (11%). Tra tutti gli eventi possibili, quello più probabile (60%) è un’eruzione esplosiva di piccola dimensione, simile a quella che nel 1538 ha prodotto il cono di Monte Nuovo. Una tale eruzione potrebbe estrudere fino a 0.1 km3 di magma, depositando i suoi prodotti su un’area ampia fino a 500 km2. Un’eruzione esplosiva di media dimensione, che ha il 25% di probabilità di accadimento, potrebbe emettere fino a 0.3 km3 di magma e depositare i suoi prodotti su un’area ampia fino a 1.000 km2.
Appears in Collections:04.08.99. General or miscellaneous
Book chapters
04.04.99. General or miscellaneous

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
montagne di fuoco.pdf904.14 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA