Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/6167
AuthorsD'Alessandro, Antonino 
Papanastassiou, Dimitris 
Baskoutas, Ioannis 
TitleLa nuova Rete Sismica Ellenica Unificata (HUSN): sviluppo, performance e prospettive
Issue Date26-Oct-2010
URIhttp://hdl.handle.net/2122/6167
KeywordsSNES
Rete Sismica Ellenica Unificata
HUSN
Hellenic Unified Seismological Network
performance di localizzazione
Subject Classification04. Solid Earth::04.06. Seismology::04.06.99. General or miscellaneous 
AbstractIl contesto geodinamico in cui ricade la Grecia fa di questa la regione sismicamente più attiva ed ha più alto rischio sismico d’Europa (Tsapanos, 2008). I processi tettonici in atto nella subduzione dello slab nel mar Egeo, controllano la distribuzione sia della sismicità sia del vulcanismo in Grecia (Karagianni et al., 2002, 2005). Oltre il 60% delle sismicità in Europa è localizzata in Grecia è forti terremoti hanno colpito più volte tale regione. La sismicità in Grecia è monitorata da quattro centri sismologici: l’Istituto di Geodinamica e i laboratori di sismologia delle università di Atene, Thessaloniki e Patras. Agli inizi del 2005, nell’ambito di un progetto nazionale chiamato “Hellenic Unified Seismological Network-HUSN” finanziato dal Ministero dello Sviluppo, le vari reti sismologiche greche sono state unificate. Tutti i segnali registrati dalle stazioni dei vari parterns, sono oggi raccolti dall’Istituto di Geodinamica e ritrasmessi agli stessi. Ad oggi la HUSN è composta da 88 stazioni digitali e molte altre saranno aggiunte negli anni a seguire. Nel presente lavoro abbiamo applicato il metodo SNES (D’Alessandro et al.) alla HUSN per quantificarne la performance di localizzazione e la magnitudo di completezza Le mappe SNES sono state determinate in funzione della magnitudo (ML 2, 2.5 e 3) fissando la profondità ipocentrale a 10 km e il livello di confidenza al 95%. Per piccole magnitudo (ML 2) solo due piccole aree in Macedonia e tra la Grecia centrale e il Peloponneso risultano coperte. Per magnitudo di poco maggiore (ML 2.5) quasi tutto il territorio Greco appare ben coperto con valori di RES di circa 2.5 km. La mappa della Magnitudo di Completezza mostra che tutto il territorio greco è coperto già per ML>2, con un valore minimo di circa 1.6 tra la Grecia centrale e il Peloponneso.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
SNES_GREECE_GNGTS.doc13.16 MBMicrosoft WordView/Open
Show full item record

Page view(s)

81
checked on Apr 27, 2017

Download(s)

95
checked on Apr 27, 2017

Google ScholarTM

Check