Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/6162

Authors: Moretti, M.*
Govoni, A.*
Lauciani, V.*
Mandiello, A. G.*
Marcocci, C.*
Margheriti, L.*
Mazza, S.*
Pintore, S.*
Title: Il nuovo archivio dati sismologico integrato dell’INGV per gli esperimenti sismici temporanei
Editors: SleiIko, D.; INOGS
Issue Date: 26-Oct-2010
Keywords: Instruments and techniques
Archivio dati sismologico
EIDA
Abstract: Nell’ambito dei Progetti Sismologici INGV-DPC - Convenzione 2007-2009 è stato progettato e realizzato il primo esempio di Archivio Dati sismologico Integrato (ADI) dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) in cui i dati in continuo delle stazioni sismiche temporanee confluiscono nell’archivio dati del sistema di acquisizione della RSN (Rete Sismica Nazionale) [Mandiello et al., 2009; Moretti et al., 2008; 2009; 2010]. Il prototipo dell’ADI è stato sviluppato nell’ambito del progetto “Messina 1908-2008” promosso dal CNT (Centro Nazionale Terremoti) e co-finanziato dal DPC (Dipartimento della Protezione Civile) in concomitanza col centenario del terribile terremoto che il 28 Dicembre del 1908 colpì lo Stretto di Messina generando un forte maremoto e causando oltre 100.000 vittime [Margheriti et al., 2008a; 2008b; Moretti et al., 2008; 2009; 2010]. Per la prima volta vi è stata la completa integrazione dei dati forniti dalle reti permanenti presenti nell’area dello Stretto (RSN; RSP - Rete Sismica Permanente della Sicilia Orientale) e dalle installazioni temporanee a terra e a mare [D’Anna et al., 2008; 2009]. L’integrazione dei dati delle stazioni temporanee nell’archivio ha mostrato la sua notevole utilità durante l’emergenza nell’area aquilana dove, a seguito del sisma del 6 Aprile 2009, sono state installate circa 30 stazioni temporanee che hanno permesso lo studio in tempo quasi-reale dell’evoluzione della sismicità dell’area [Margheriti et al., 2010]. L’immissione diretta di tutti i segnali in uno stesso sistema di gestione dati in continuo è un importante passo avanti per la loro fruibilità soprattutto durante i periodi di emergenza sismica. L'archivio entra a far parte di un'iniziativa più ampia denominata EIDA (European Integrated Data Archive, Progetto NERIES), che rende accessibili tutti i dati sismologici a larga banda alla comunità scientifica attraverso un unico portale in formato standard. I dati, reperibili attraverso il portale EIDA, sono nel formato internazionale SEED (Standard for the Exchange of Earthquake Data) e organizzati secondo le specifiche adottate dalla RSN dell’INGV.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
Moretti&al-GNGTS2010.pdfposter3.41 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA