Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/6025
AuthorsPolemio, M. 
TitleIl regime della falda costiera ionica di Metaponto
Other TitlesRegime of Ionian coastal groundwater of Metaponto
Issue Date1994
URIhttp://hdl.handle.net/2122/6025
Keywordsgroundwater
time series
coastal aquifer
Basilicata
Metaponto
Subject Classification03. Hydrosphere::03.02. Hydrology::03.02.03. Groundwater processes 
AbstractLa falda idrica sotterranea che si esamina interessa un acquifero poroso e costiero disposto lungo la costa ionica lucana, tra le foci dei fiumi Bradano a Nord e Sinni a Sud. In particolare, viene caratterizzato il complesso di relazioni esistenti tra i corpi idrici superficiali e sotterranei in un'area che si estende per oltre 20 Km lungo la costa e per 6 Km verso l'interno. In tale area affiorano estesamente, costituendo l'acquifero per la falda idrica in studio, depositi detritici, sia marini che continentali, di natura ciottolosa, sabbiosa e argillosa. L'ambiente in cui si muovono le acque sotterranee in studio è condizionato dalla modesta soggiacenza della stessa, dalle profonde incisioni fluviali con foce sullo Ionio e dai relativi deflussi idrici, dall'infiltrazione naturale e non, dovuta quest'ultima all'intensa irrigazione, dagli afflussi provenienti da altri corpi idrici sotterranei, dalla presenza del mare nonchè dall'uso intenso nei mesi estivi della risorsa idrica sotterranea esaminata. Per caratterizzare il regime della falda in tali complesse condizioni sono stati raccolte numerose serie di dati idrologiche. I dati pluviometrici e termometrici, relativi a un periodo di tempo pari a oltre 60 anni, hanno permesso di caratterizzare il clima e studiare l'infiltazione. I dati idrometrici, disponibili per circa 40 anni, hanno permesso di caratterizzare il regime fluviale dei principali corsi idrici. La raccolta, infine, di dati piezometrici relativi a una rete attiva per circa 30 anni ha permesso di perseguire le finalità di studio che il lavoro illustra. Alcune metodologie statistiche sono state applicate al fine di caratterizzare il regime della falda e per evidenziare l'influenza che su di essa hanno i corpi idrici superficiali e l'azione dell'uomo. Lo studio ha considerato l'evoluzione temporale dei fenomeni, utilizzando anche l'analisi spettrale e di correlazione, nonchè spaziale, mediante approcci tipici della Geostatistica.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
falda-metaponto.pdf782.56 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

162
checked on Apr 26, 2017

Download(s)

314
checked on Apr 26, 2017

Google ScholarTM

Check