Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/5870
AuthorsBurrato, P.* 
De Martini, P.M.* 
Poli, M.E.* 
Zanferrari, A.* 
TitleGeometric and Kinematic modeling of the thrust fronts in the Montello-Cansiglio area from geologic and geodetic data (Eastern Southalpine Chain, NE Italy)
Issue Date25-Feb-2009
URIhttp://hdl.handle.net/2122/5870
KeywordsMontello Anticline
Eastern Southalpine Chain
slip rates
Subject Classification04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.01. Earthquake geology and paleoseismology 
04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.03. Geomorphology 
04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.09. Structural geology 
04. Solid Earth::04.06. Seismology::04.06.01. Earthquake faults: properties and evolution 
04. Solid Earth::04.06. Seismology::04.06.06. Surveys, measurements, and monitoring 
AbstractQuesto lavoro è dedicato allo studio delle geometrie e dei ratei di deformazione di breve e medio termine delle strutture compressive attive facenti parte dei fronti esterni della Catena Sudalpina, nel settore dell’anticlinale del Montello. Il metodo adottato utilizza informazioni derivate dall’analisi di una linea geodetica di primo ordine dell’IGM, combinate con osservazioni geofisiche, geologiche e geomorfologiche di superficie e di sottosuolo. La linea geodetica presa in esame mostra lungo alcuni suoi segmenti dei movimenti verticali relativi, positivi rispetto ai segmenti adiacenti (maggiori sollevamenti). Questi segnali geodetici, ottenuti dal confronto delle quote dei capisaldi misurate durante due distinte campagne separate da un intervallo di tempo di circa 50 anni, avvengono in corripondenza dell’attraversamento di faglie cieche e sono stati quindi interpretati come dovuti all’attività di queste strutture sepolte. Per l’interpretazione, è stata costruita una sezione geologica che segue la traccia della linea di livellazione, ed è stato quindi modelizzato il segnale geodetico adottando un metodo diretto. Nel modello, le geometrie di partenza delle faglie sono state prese dalla sezione geologica, e sono state poi modificate per riprodurre il segnale geodetico. Una volta fissate le geometrie delle faglie, gli uplift rate sono stati convertiti in slip e shortening rate e comparati con: 1- i ratei di medio e lungo termine derivati dalle osservazioni geologiche e geomorfologiche per evidenziare eventuali cambiamenti nel tempo; e 2- con i tassi di convergenza GPS per studiare la partizione delle deformazione tra i diversi fronti. Infine sono state usate relazioni analitiche ed empiriche per stimare la massima magnitudo e i tempi di ricorrenza dei potenziali futuri terremoti.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Burrato_etal_2009_RendSGI5.pdfMain article186.67 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

125
Last Week
0
Last month
1
checked on Aug 21, 2017

Download(s)

169
checked on Aug 21, 2017

Google ScholarTM

Check