Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/5861

Authors: Lanza, Tiziana*
D'Addezio, Giuliana*
La Longa, Federica*
Crescimbene, Massimo*
Ciaccio, M.Grazia*
Marsili, Antonella*
Boncoddo, Giovanni*
Title: C'era una volta un pescatore a Messina...
Other Titles: Un'esperienza di teatro scientifico all'elementari
Issue Date: 4-Dec-2009
Keywords: Terremoto di Messina
Leggende, miti, Colapesce
Abstract: Obiettivo: Facendo seguito a uno studio portato avanti nell’ambito di Miti e Geologia (Lanza & Negrete 2007) si sono volute sperimentare alcune conclusioni di quello studio che caldeggiava l’utilizzo di miti e leggende popolari in ambito scolastico per la diffusione della conoscenza riguardante il nostro pianeta. Il target che era all’inizio rappresentato dai bambini di seconda e quarta elementare (della Scuola primaria Federico Di Donato di Roma) si è poi esteso anche agli insegnanti e persino ai genitori di quegli alunni vedendoli tutti coinvolti come soggetti attivi nell’ambito di questo progetto. Il coinvolgimento e l’entusiasmo partecipativo si è sviluppato anche in seguito alla modalità di realizzazione di questo progetto iniziale. La leggenda del pescatore Colapesce è stata ripresa e riadattata in uno script per celebrare il centenario del terremoto di Messina (1908) ai fini di una vera e propria rappresentazione teatrale fatta dai bambini. Dunque lo script alla fine conteneva non soltanto la favola con i suoi protagonisti classici: un Re, una principessa e un pescatore ma anche una parte più moderna dove i protagonisti erano un gruppetto di sismologi interpretati da alcuni bambini di quarta elementare. L’inserimento di contenuti scientifici all’interno della rappresentazione è stata resa agevolmente possibile con l’introduzione di oggetti, quali una mappa della sismicità in Italia e un sismometro. Oggetti che hanno consentito agli alunni di comprendere non soltanto come si studiano i terremoti ma anche che la prevenzione è il metodo migliore per conviverci. Dopo tre mesi di preparazione ottenuta anche grazie alla collaborazione di un regista di Messina coadiuvato da un esperto in psico-dramma, gli alunni erano pronti per recitare davanti a tutta la scuola nell’ambito della XIX settimana della cultura scientifica (il 27 Marzo 2009). A giudicare dall’entusiasmo generale di tutti, attori, spettatori e organizzatori è stato un successo. Tuttavia se la rappresentazione finale costituisce l’ultima tappa, di fondamentale importanza sarà valutare come si è sviluppato l’apprendimento nel corso dei tre mesi di preparazione a questo evento e quanto rimarrà a qualche mese di distanza soprattutto del contenuto scientifico agito sulla scena. Mentre un altro aspetto assumerà valutare quanto il contenuto favolistico abbia ben disposto gli alunni ad accogliere nozioni nuove e quanto invece li abbia distratti (soprattutto i più piccoli, quelli di seconda elementare). Si può far notare che l’apprendimento ha coinvolto attivamente anche gli insegnanti che non soltanto si sono mostrati piacevolmente disponibili ad approfondire i contenuti scientifici ai fini della rappresentazione, ma hanno utilizzato gli stessi per scegliere gli attori e per suggerire modifiche allo script iniziale. Attualmente sono in corso delle analisi con questionari per alunni e insegnanti al fine di individuarne l’efficacia comunicativa e tirare le conclusioni di questa esperienza.
Appears in Collections:Conference materials
05.03.99. General or miscellaneous

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
poster_Napoli.pdf40.65 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA