Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/5653
AuthorsEMERGEO Working Group, .* 
Basili, R.* 
Burrato, P.* 
Cinti, F. R.* 
Civico, R.* 
Cucci, L.* 
D'Addezio, G.* 
De Martini, P. M.* 
Fracassi, U.* 
Gasparini, A.* 
Kastelic, V.* 
Lisi, A.* 
Mariano, S.* 
Mariucci, M. T.* 
Montone, P.* 
Pantosti, D.* 
Patera, A.* 
Pierdominici, S.* 
Pinzi, S.* 
Pucci, S.* 
Smedile, A.* 
Tiberti, M. M.* 
Vannoli, P.* 
Villani, F.* 
Alfonsi, L.* 
De Ritis, R.* 
Venuti, A.* 
Anzidei, M.* 
Atzori, S.* 
Brunori, C. A.* 
Colini, L.* 
Moro, M.* 
Pignone, M.* 
Sepe, V.* 
Falcucci, E.* 
Galadini, F.* 
Gori, S.* 
Scardia, G.* 
Alessio, G.* 
Aquino, I.* 
Nappi, R.* 
Nave, R.* 
Giaccio, B.* 
Messina, P.* 
Sposato, A.* 
Saroli, M.* 
Fubelli, G.* 
TitleRilievi geologici nell’area epicentrale della sequenza sismica dell’Aquilano del 6 aprile 2009
Issue DateJun-2009
Series/Report no./70 (2009)
URIhttp://hdl.handle.net/2122/5653
Keywordscoseismic ruptures
Central Apennines
April, 6 2009 earthquake
Aterno valley
Subject Classification04. Solid Earth::04.04. Geology::04.04.01. Earthquake geology and paleoseismology 
AbstractIl 6 Aprile 2009 un terremoto di Ml=5.8 (Mw=6.2) ha colpito L’Aquila e la media valle dell’Aterno in Abruzzo. In questo lavoro presentiamo in maniera sintetica i rilievi geologici effettuati in campagna dal gruppo di lavoro EmerGeo a seguito della sequenza sismica aquilana. Le attività di rilevamento condotte sono consistite principalmente nella verifica, definizione e caratterizzazione delle deformazioni cosismiche superficiali osservate lungo le strutture tettoniche note in letteratura; sono stati inoltre rilevati e riportati altri effetti cosismici locali (fratture su asfalto, frane e scivolamenti) non direttamente collegati alla presenza di strutture tettoniche. In totale sono stati rilevati oltre 300 punti di osservazione su una porzione di territorio estesa circa 900 km2. L’analisi preliminare dei rilievi effettuati indica che le rotture osservate lungo la faglia di Paganica, per la continuità e le caratteristiche, rappresentano l’espressione superficiale della faglia responsabile dell’evento del 6 aprile 2009, e che le rotture lungo le faglie di Bazzano e di Monticchio-Fossa possono rappresentare l’espressione in superficie di una struttura antitetica riattivata durante l’evento.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Quaderno70&Appendice.pdf17.78 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

367
Last Week
2
Last month
1
checked on Aug 17, 2017

Download(s)

192
checked on Aug 17, 2017

Google ScholarTM

Check