Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/5652

Authors: Nigro, F.*
Favara, R.*
Renda, P.*
Salvaggio, G.*
Arisco, G.*
Perricone, M.*
Title: Neotectonic uplift and tilting of crustal blocks in Northern Sicily
Title of journal: Rendiconti online Società Geologica Italiana
Series/Report no.: /5(2009)
Publisher: Società Geologica Italiana
Issue Date: 2009
Keywords: neotectonic faults
morphometric pattern
uplift
crustal blocks
Sicily
Abstract: La Sicilia settentrionale è caratterizzata da un’intensa attività sismica che è espressione di deformazioni attive. In questo settore dell’Isola affiora il nucleo della catena neogenica delle Magrebidi occidentali, che è sottoposto ad intenso sollevamento durante il Plio-Pleistocene. Le deformazioni più recenti sono, in gran parte, rappresentate da sistemi di faglie estensionali e trascorrenti. Il tasso di sollevamento non è uniforme, così come suggerisce la differente elevazione dei depositi di questo periodo. Essi affiorano lungo il settore costiero settentrionale e la loro quota decresce complessivamente dall’estremità nord-est a quella nord-ovest della Sicilia. Le deformazioni più recenti possono essere riconosciute sia attraverso l’analisi strutturale che tramite quella morfometrica. Lo studio integrato di queste due metodologie qui presentato è stato realizzato anche attraverso l’elaborazione informatizzata del modello di elevazione digitale della superficie topografica (DEM). I dati strutturali e morfometrici indicano che in Sicilia settentrionale vi è una stretta relazione tra l’attività delle faglie neotettoniche e le forme dei rilievi. Il loro confronto con alcune caratteristiche idrografiche, con la sismicità e con la distribuzione dei tassi di sollevamento suggerisce che la catena siciliana settentrionale risulta segmentata da sistemi di taglio radicati che perimetrano blocchi crostali. In particolare, la variazione di alcuni parametri morfometrici hanno permesso di identificare distinti settori di catena omogenei, ciascuno dei quali è soggetto a differenti tassi di sollevamento e di direzioni di basculamento.
Appears in Collections:04.04.09. Structural geology
04.07.07. Tectonics
Papers Published / Papers in press

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
Nigro et al_GIGS 2009_C.pdfMain article807.48 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA