Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/5417
AuthorsGalli, P.* 
Camassi, R.* 
Azzaro, R.* 
Bernardini, F.* 
Castenetto, S.* 
MOlin, D.* 
Peronace, E.* 
Rossi, A.* 
Vecchi, M.* 
Tertulliani, A.* 
TitleTerremoto de L’Aquila del 6 aprile 2009: rilievo macrosismico, distribuzione delle intensità macrosismiche ed implicazioni sismotettoniche
Issue DateNov-2009
Series/Report no./22 (2009)
URIhttp://hdl.handle.net/2122/5417
KeywordsL'Aquila 2009
macroseismics
Subject Classification04. Solid Earth::04.06. Seismology::04.06.99. General or miscellaneous 
AbstractViene dato ragguaglio sulle operazioni di rilievo macrosismico relative al terremoto aquilano del 6 Aprile 2009 (Mw=6.3; Io=IX MCS) condotte dal QUEST e del risultato conseguito in termini di distribuzione delle intensità per 316 località visitate. Il terremoto, che ha provocato la distruzione di numerosi centri della conca Aquilana ed oltre 300 vittime, mostra un’area mesosimica allungata in direzione NW-SE, con una coda di forti risentimenti verso SE nella conca subèquana. Questo è in accordo con la geometria, cinematica e dinamica della rottura della struttura sismogenetica, individuata anche grazie alle evidenze di fagliazione di superficie seguite per circa 20 km lungo il versante nordorientale della Valle dell’Aterno, tra Collebrincioni e San Demetrio ne’ Vestini (sistema di faglie di Paganica-San Demetrio). Tale struttura viene anche indicata responsabile del terremoto “gemello” del 1461, oltre che da eventi di più elevata energia, come analisi paleosismologiche e rilievi geologici in corso hanno confermato.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
macroquaternario.pdfpre-print2.25 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

402
checked on Apr 25, 2017

Download(s)

1,487
checked on Apr 25, 2017

Google ScholarTM

Check