Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/5067
AuthorsMeloni, A.* 
Cafarella, L.* 
De Franceschi, G.* 
Alfonsi, Lu.* 
Romano, V.* 
Morelli, A.* 
Danesi, S.* 
Grezio, A.* 
Russi, M.* 
Guidarelli, M.* 
Bonaccorso, A.* 
Gambino, S.* 
Capra, A.* 
Dubbini, M.* 
Pellegrini, A.* 
Gentili, U.* 
Mancini, F.* 
Georgiadis, T.* 
Nardini, M.* 
Bonasoni, P.* 
Vitale, V.* 
Lupi, A.* 
Cristofanelli, P.* 
Snels, M.* 
Cairo, F.* 
TitleANTARTIDE. Un osservatorio naturale per comprendere la Terra
Issue Date2009
URIhttp://hdl.handle.net/2122/5067
KeywordsAntartide
Osservatori permanenti
PNRA
Subject Classification01. Atmosphere::01.03. Magnetosphere::01.03.99. General or miscellaneous 
03. Hydrosphere::03.03. Physical::03.03.05. Instruments and techniques 
05. General::05.02. Data dissemination::05.02.99. General or miscellaneous 
05. General::05.04. Instrumentation and techniques of general interest::05.04.99. General or miscellaneous 
AbstractMolto è noto delle particolarissime condizioni che rendono l'Antartide un laboratorio veramente speciale per tante discipline. Tuttavia, per le Scienze della Terra il continente antartico ha un doppio interesse. Oltre ad essere un luogo poco conosciuto dove avvengono processi straordinari ed unici per il nostro pianeta, esso occupa anche una posizione privilegiata per la registrazione di dati geofisici. Questi dati sono essenziali per la comprensione globale di molti processi fisici e ci aiutano dunque a capire come la Terra "funziona" nel suo insieme. L'Antartide è, quindi, un luogo di osservazione cruciale per la conoscenza del pianeta in cui viviamo. I processi geofisici presentano variazioni su lunghi periodi. Di conseguenza, la registrazione di lunghe e ininterrotte serie temporali è un impegno basilare per gli osservatori geofisici. Come noi traiamo vantaggio dalle registrazioni della declinazione del campo magnetico fatte dai marinai del XVIII secolo, dalle cronologie degli effetti dei terremoti trovate in archivi storici e dalle informazioni sul tempo e sulle temperature dell'aria scritte negli antichi almanacchi, così dobbiamo impegnarci per acquisire ed allo stesso tempo conservare le registrazioni strumentali secondo i migliori livelli consentiti dalla tecnologia odierna. Seguendo queste considerazioni, il programma antartico Italiano - in modo simile ai programmi di altre nazioni - si sta prodigando in uno sforzo continuo nel mantenimento e nel miglioramento degli osservatori geofisici permanenti. Forse alcune di queste attività non forniscono dati con forte impatto immediato, ma la loro vera importanza si evidenzierà certamente in futuro. Il funzionamento degli osservatori geofisici antartici è anche un obbligo verso le prossime generazioni, per metterle in condizione di comprendere quello che a noi sfugge ancora.
Appears in Collections:Reports

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
antartide.pdfmain article31.9 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

292
Last Week
0
Last month
1
checked on Aug 21, 2017

Download(s)

83
checked on Aug 21, 2017

Google ScholarTM

Check