Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/4429

Authors: Barberi, F.*
Carapezza, M. L.*
Civetta, L.*
De Lucia, M.*
Cuna, L.*
Giudicepietro, F.*
Nazzaro, A.*
Orsi, G.*
Quareni, F.*
Russo, M.*
Editors: De Lucia, M.; Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione OV, Napoli, Italia
Title: Guida al Museo dell'Osservatorio Vesuviano
Issue Date: Feb-2008
Keywords: museo
vesuvio
Abstract: Il Vesuvio è noto nel mondo soprattutto per la grande eruzione del 79 d.C., che distrusse in soli due giorni Pompei, Ercolano, Oplonti e Stabia. Dopo il 79 d.C., il Vesuvio ha alternato periodi di attività, caratterizzati da frequenti eruzioni di media energia, a periodi di riposo, lunghi anche molti secoli e interrotti da violente eruzioni esplosive come quelle del 472 d.C. e del 1631. L’attività del vulcano negli ultimi tre secoli è stata caratterizzata da eruzioni di moderata energia ma di grande effetto spettacolare, che hanno reso il Vesuvio meta di viaggiatori, scienziati, letterati e artisti da tutto il mondo. Dopo l’eruzione del 1944, il vulcano è entrato in una fase di quiescenza, la cui durata è impossibile da prevedere. Negli ultimi decenni il vulcano è stato caratterizzato da una debole attività fumarolica, prevalentemente nell’area craterica, e da attività sismica con scosse di energia medio-bassa. La storia eruttiva del Vesuvio indica che il vulcano non può essere considerato estinto ed è molto probabile che l’attuale quiescenza venga interrotta da una nuova, violenta eruzione. L’Osservatorio Vesuviano, inaugurato nel 1845 da Ferdinando II re delle Due Sicilie, è il primo osservatorio vulcanologico al mondo. Ha permesso per oltre centocinquanta anni l’osservazione minuziosa delle eruzioni vesuviane e dei loro precursori. Oggi vigila sullo stato di attività dei vulcani campani, pronto a cogliere i primi segni di riattivazione. La mostra Vesuvio: 2000 anni di osservazioni conduce il visitatore attraverso un affascinante percorso nel mondo dei vulcani, e del Vesuvio in particolare: descrive i vari tipi di eruzioni e i pericoli relativi, spiega come si ricostruisce la storia di un vulcano, presenta ricche collezioni di campioni di rocce e minerali vesuviani e di strumenti storici, libri e dipinti. È possibile anche osservare la registrazione in tempo reale di dati sismici della rete dell’INGV - Osservatorio Vesuviano. L’obiettivo principale del Museo è fornire soprattutto agli abitanti dell’area vesuviana, ma anche al vasto pubblico che visita il Vesuvio, informazioni sui principali pericoli vulcanici attesi e sulle metodologie di monitoraggio.
Appears in Collections:Books
05.03.99. General or miscellaneous

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
guida museo.pdf1.34 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA