Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/3913

Authors: Chiappini, M.*
Title: Meno misteri nelle viscere del vulcano
Title of journal: Il Sole 24 ORE
Series/Report no.: Osservatorio Cotec-Nòva24 Geologia
Publisher: Il Sole 24 ORE
Issue Date: 5-Oct-2006
Keywords: Anomalie magnetiche
Campo di potenziale
Modellistica crostale
Rischio vulcanico
Abstract: La frontiera della ricerca della geofisica moderna si fonda in maniera rilevante su due direttrici al crocevia tra scienza e tecnologia: il progresso tecnologico nella strumentazione per le misure e l'affinamento della capacità di gestione ed elaborazione delle informazioni raccolte. Come in ogni altra scienza sperimentale, i dati e la capacità di saperli analizzare rappresentano pilastri fondamentali nella ricerca geofisica. Allo stato attuale l'Europa è messa a confronto con l'impressionante sviluppo che sta avvenendo in Paesi quali Giappone e Usa. Un esempio significativo è rappresentato dalla campagna di misure sull'isola di Tenerife, alle Canarie, a opera dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia presieduto da Enzo Boschi e il Consejo Superior de Investigaciones Cientificas spagnolo. Il grande vulcano Teide, che domina l'isola e che è giudicato dagli esperti "ad alto rischio", è stato investigato con una tecnica di rilevamento innovativa, chiamata aeromagnetismo. Per svelare i segreti dell'edificio vulcanico sottomarino, fin dentro la crosta terrestre, gli scienziati hanno operato dal cielo, a bordo di un elicottero attrezzato con apparati di alta tecnologia sospesi in una sorta di missile che al suo interno ospita i sensori che captano i campi magnetici delle rocce vulcaniche. I rilievi aeromagnetici effettuati consentiranno di identificare le strutture sepolte, in modo tale da ricostruire formazioni come condotti lavici, crateri e faglie. Un contributo (non solo a beneficio della geofisica ma anche della Protezione Civile spagnola) che è stato realizzato con una tecnologia avanzata, fiore all'occhiello dell'Italia e dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Si tratta inoltre di un esempio estremamente interessante, di cooperazione tra istituzioni italiane ed europee che risulta affiancato da un protocollo ministeriale tra Italia, Spagna e Portogallo realizzato nel 2005 con il sostegno della Fondazione Cotec. La fisica dei terremoti e dei fenomeni vulcanici non soltanto non rispetta le frontiere nazionali coinvolgendo spesso Paesi limitrofi ma (si pensi ai grandi mercati primari e secondari di assicurazione) ne coinvolge in maniera tanto pervasiva le economie da richiedere risposte di impegno e coordinamento di statura europea.
Appears in Collections:04.08.08. Volcanic risk
04.05.04. Magnetic anomalies
04.02.04. Magnetic and electrical methods
04.07.07. Tectonics
Papers Published / Papers in press

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
Sole 24 ore Nova.pdf484.29 kBAdobe PDFView/Open

This item is licensed under a Creative Commons License
Creative Commons


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA