Earth-prints repository, logo   DSpace

About DSpace Software
|earth-prints home page | roma library | bologna library | catania library | milano library | napoli library | palermo library
Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/3902

Authors: Meloni, A.*
Zucchelli, M.*
Title: La sfida Antartide
Other Titles: Il Programma nazionale di ricerche in Antartide
Issue Date: Jul-2001
Series/Report no.: Dossier XIV Legislatura
Keywords: Antartide
Politica della ricerca
Abstract: L'Antartide è la regione meno conosciuta del mondo. Isolata dalle altre terre dalla convergenza di oceani freddi e burrascosi, l'Antartide si trova al Polo Sud della Terra con temperature medie di oltre 30/40 °C sotto lo zero e detiene il record della minor temperatura mai registrata: 89°C sotto lo zero. Il continente antartico, spazzato da venti che superano anche i 300 km/h, contiene il 90% del ghiaccio e della neve della Terra ed ha un'area una volta e mezzo più grande di quella dell'Europa. Durante l’inverno, il ghiaccio marino che si forma al suo margine estende la sua superficie di oltre il 50% rispetto a quella continentale. La calotta glaciale antartica concentra il 90% dell'acqua dolce superficiale del Pianeta, che, se completamente fusa, determinerebbe un innalzamento del livello dei mari di oltre 65 m. A causa delle strette relazioni intercorrenti tra calotta glaciale ed atmosfera e tra calotta glaciale, ghiaccio marino ed oceano l'Antartide gioca un ruolo fondamentale nel sistema climatico globale. La Corrente Circumpolare Antartica collega le correnti d’acqua negli Oceani Atlantico, Indiano e Pacifico e nei Mari di Weddell e di Ross. Qui si originano le acque oceaniche fredde e profonde che fluiscono verso nord sino nell'Atlantico e Pacifico settentrionali e che hanno una notevole influenza sul clima globale e sulla produttività biologica. L'interesse internazionale verso l’Antartide nell’ultimo dopoguerra è stato prevalentemente scientifico; recentemente, a seguito della scoperta, nel 1985, dell'impoverimento della fascia di ozono stratosferico durante la primavera australe, l’attenzione di tutte le nazioni si è fortemente rivolta a questa remota parte del mondo. Il "buco dell'ozono" per le conseguenze sulla vita, continua ad essere argomento di ampie discussioni e di notevole interesse internazionale. Anche l’aumento dei gas serra in atmosfera, prodotti dall’utilizzo di combustibili fossili, può avere profondi riflessi nella regione antartica; i modelli più recenti e sofisticati di circolazione atmosferica globale indicano infatti che sarebbe in atto un'amplificazione dei cambiamenti della temperatura.
Appears in Collections:05.03.99. General or miscellaneous
Reports

Files in This Item:

File SizeFormatVisibility
toni_Copit_reduc.pdf12.77 MBAdobe PDFView/Open

This item is licensed under a Creative Commons License
Creative Commons


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

Valid XHTML 1.0! ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software. CINECA