Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/3313
AuthorsCrowley, H.* 
Pinho, R.* 
Faravelli, M.* 
Montaldo, V.* 
Meletti, C.* 
Calvi, G. M.* 
Stucchi, M.* 
TitleGli effetti dell’introduzione della nuova mappa di pericolosità sulla valutazione del rischio sismico in Italia.
Issue DateJun-2007
URIhttp://hdl.handle.net/2122/3313
KeywordsSeismic hazard
seismic risk
Spectral ordinates
Vulnerability
Italy
Subject Classification04. Solid Earth::04.06. Seismology::04.06.11. Seismic risk 
AbstractL’introduzione di una versione aggiornata della mappa di pericolosità sismica, definita per diversi periodi di ritorno e per svariati valori di ordinate spettrali, porta inevitabilmente a dei cambiamenti sul livello di rischio sismico del costruito italiano. Poiché la relazione tra domanda e capacità non è lineare per tutto il range di periodi di vibrazione strutturale, è necessario valutare il cambiamento del livello di rischio sismico calcolando esplicitamente la vulnerabilità sismica di strutture esistenti con diversi periodi di vibrazione, per diversi stati limite e considerando sia la nuova che la precedente definizione di pericolosità. Nel presente lavoro è stato eseguito un primo studio degli effetti che l’introduzione di mappe aggiornate della pericolosità sismica potrebbe avere sulla valutazione dei livelli di rischio sismico nel territorio italiano. Le caratteristiche generali del costruito sono state ricavate dai dati del 14° Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni (ISTAT 2001), mentre una procedura probabilistica di valutazione sismica per edifici esistenti a scala urbana è stata impiegata per stimare la capacità. Sono stati considerati tutti i tre stati limite prescritti dall’Ordinanza (danno lieve, danno severo, collasso) in corrispondenza dei rispettivi valori di domanda, così come il cambiamento delle forme spettrali in funzione della localizzazione e del periodo di ritorno. I risultati dimostrano che la nuova mappa di pericolosità sismica porta a dei livelli di rischio sismico più realistici e meno allarmanti, rendendo leggermente meno gravoso, anche se non privo di problematiche, il panorama attuale di rischio in Italia.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
2007-CrowleyEtAl_Anidis.pdf1.22 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

73
checked on May 27, 2017

Download(s)

776
checked on May 27, 2017

Google ScholarTM

Check