Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/3186
AuthorsAnzidei, M.* 
Casula, G.* 
Galvani, A.* 
Riguzzi, F.* 
Pietrantonio, G.* 
Massucci, A.* 
Del Mese, S.* 
TitleLe prime stazioni GPS permanenti INGV-CNT per il monitoraggio delle deformazioni crostali dell'area italiana
Issue Date10-Jun-2006
Series/Report no.39/(2006)
URIhttp://hdl.handle.net/2122/3186
Keywordsrete CGPS, Italia, monitoraggio geodetico, deformazioni crostali
Subject Classification04. Solid Earth::04.03. Geodesy::04.03.06. Measurements and monitoring 
AbstractIn questi ultimi anni molti Enti o Università italiane e straniere impegnate in studi geofisici a carattere geodinamico e geodetico, hanno sentito la necessità di realizzare reti GPS in monitoraggio continuo capaci di raggiungere le migliori precisioni possibili ottenibili e al contempo di poter disporre di dati inquadrati in un solo sistema di riferimento. Infatti i dati GPS acquisiti in continuo su reti realizzate con procedure automatizzate di acquisizione, trasmissione e analisi dei dati, rappresentano un potente mezzo per studiare le deformazioni del suolo di origine tettonica e vulcanica, consentendo avanzamenti significativi nella ricerca geofisica e geodetica e per scopi di monitoraggio orientati per applicazioni di Protezione Civile. Con questi obiettivi sono state realizzate le stazioni GPS di Roma (INGR), Villavallelonga (VVLO), Roseto degli Abruzzi (RSTO), Gibilmanna (GBLM), Preturo (INGP) e Monte Argentario (MAOO), distribuite nelle aree italiane di principale interesse geodinamico e sismologico. Queste sono state collocate in particolare dove andava colmato un gap sulla distribuzione di stazioni permanenti già esistenti afferenti alla rete GPS dell’Agenzia Spaziale Italiana. Le stazioni, realizzate secondo criteri che soddisfano la ricerca geofisica, sono costituite da ricevitori GPS geodetici a doppia frequenza le cui antenne sono state collocate su pilastrini in cemento armato prevalentemente fondati su affioramenti rocciosi. In questa pubblicazione viene descritto lo stato attuale della rete, la struttura dei monumenti geodetici, la strumentazione utilizzata, le modalità di acquisizione e trasmissione dei dati, la loro analisi e archiviazione. Viene anche mostrato un confronto sulla qualità dei dati prodotti dalle stazioni INGV rispetto alle stazioni di Matera (MATE) e Cagliari (CAGL), afferenti alla rete internazionale dell’International Godynamic Service.
Appears in Collections:Papers Published / Papers in press

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Anzidei et al quad geof 39.pdf3.37 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

161
Last Week
0
Last month
checked on Jun 27, 2017

Download(s)

180
checked on Jun 27, 2017

Google ScholarTM

Check