Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/2876
AuthorsDe Martino, P.* 
Tamarro, U.* 
Brandi, G.* 
D'Alessandro, A.* 
Dolce, M.* 
Esposito, T.* 
Malaspina, S.* 
Obrizzo, F.* 
Pingue, F.* 
Serio, C.* 
TitleAREA VULCANICA NAPOLETANA: 10 ANNI DI OSSERVAZIONI GPS
Issue Date6-Nov-2007
URIhttp://hdl.handle.net/2122/2876
Keywordsarea napoletana
osservazioni GPS
Subject Classification04. Solid Earth::04.03. Geodesy::04.03.06. Measurements and monitoring 
04. Solid Earth::04.08. Volcanology::04.08.06. Volcano monitoring 
05. General::05.01. Computational geophysics::05.01.01. Data processing 
AbstractL’area napoletana è una delle zone a più alto rischio vulcanico, per la presenza di tre strutture vulcaniche attive (il Somma-Vesuvio, la caldera dei Campi Flegrei e l’Isola d’Ischia) e per l’intensa urbanizzazione della zona. La concentrazione dei suddetti vulcani attivi in un’area molto urbanizzata rende fondamentale la presenza di un sistema di monitoraggio che registri i fenomeni connessi al processo vulcanico in atto e che dia informazioni utili per modellarne il comportamento. Tra i vari fenomeni che generalmente sono associati ai processi vulcanici, le deformazioni statiche giocano un ruolo importante per lo studio dei parametri delle sorgenti magmatiche e per la loro modellazione. Nell’area vulcanica napoletana è presente una estesa rete GPS (sia permanente che discreta) che negli ultimi 10 anni ha permesso di raccogliere una mole importante di dati e di avere informazioni circa la dinamica in atto. I dati raccolti in tale periodo, a causa dei rapidi sviluppi della tecnologia GPS, della strumentazione, delle metodologie di processamento, presentavano alcune disomogeneità nella qualità, nell’archiviazione e nell’elaborazione. Pertanto è stato necessario un notevole lavoro di verifica, correzione ed omogeneizzazione dal punto di vista qualitativo di tutti i dati disponibili. Successivamente si è potuto procedere al riprocessamento dei dati, utilizzando il software GPS Bernese v. 5.0, secondo i più recenti standard IGS. Questo lavoro ha permesso di creare un database accurato di tutti i dati GPS disponibili per l’intera area vulcanica napoletana e il conseguente miglioramento della qualità dei risultati ha fornito un utile contributo all’interpretazione dei movimenti del suolo avvenuti negli ultimi anni. In particolare, i nuovi dati ottenuti hanno permesso un’accurata descrizione dell’andamento temporale dei modesti fenomeni di sollevamento (mini-uplift) che hanno interessato la caldera flegrea negli ultimi anni.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
DemTam-2007.pdf413.75 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

181
checked on Apr 26, 2017

Download(s)

229
checked on Apr 26, 2017

Google ScholarTM

Check