Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2122/2730
AuthorsMasci, F.* 
Rizi, V.* 
D'Altorio, A.* 
Visconti, G.* 
TitleMisure Lidar di ozono ed aerosol stratosferici dopo l'eruzione del vulcano Pinatubo
Issue Date3-Nov-1993
URIhttp://hdl.handle.net/2122/2730
Keywordsstratospheric ozone
volcanic aerosol
Subject Classification01. Atmosphere::01.01. Atmosphere::01.01.99. General or miscellaneous 
AbstractL'eruzione del vulcano filippino Pinatubo, durante il periodo 12-16 giugno 1991, ha immesso in stratosfera dalle 20 alle 30 megatonnelate di diossido di zolfo trasformatosi in particelle conposte da un asoluzione di acido solforico ed acqua. La stazione lidar di L'Aquila(SLAQ) comprende due sistemi di misura: un sistema DIAL(DIfferential Absorption Lidar) per la misura di ozono ed un sistema lidar per il monitoraggio degli aerosol stratosferici. I due sistemi lidar della SLAQ hanno funzionato simultaneamente sin dai primi mesi dopo l'eruzione del vulcano Pinatubo in modo da sondare l'atmosfera con tre lunghezze d'onda contemporaneamente. D'Analisi dei segnali lidar, in base ad un modello di aerosol, sono stati ricavati i parametri della distribuzione di particelle che, oltre a cratterizzare gli aerosol presenti in stratosfera, hanno permesso di correggere i profili DIAL di ozono dall'interferenza ottica causata dalla presnza degli aerosol di Pinatubo. Vengono riportati solo i risultati del periodo seguente l'eruzione fino a Dicembre 1992.
Appears in Collections:Conference materials

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Proc_10_GNFAO_1993_167-169.pdfMain article1.47 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

84
checked on May 27, 2017

Download(s)

50
checked on May 27, 2017

Google ScholarTM

Check